News

Valorizzare il cibo per evitare lo spreco alimentare

Secondo la FAO, il 30% del pesce sulle nostre tavole viene buttato via. Ma il dato riguarda più che altro l'ultimo anello dell'intera filiera ittica, come abbiamo raccontato in questi giorni a Slow Fish.

Meduse à la carte

Il numero dei pesci nel mare cala vertiginosamente e l’idea di cibarsi di meduse e di alghe si fa sempre più concreta. Una scelta che avrebbe anche benefiche ricadute sull’ambiente marino.

Proiezioni di memoria – La Liguria di Luigi Taglienti

Ristorante Il Marin, Genova. Una terrazza affacciata sul Porto Antico e sulle colline di Genova. È lì che si svolge la nostra chiacchierata con Luigi Taglienti, executive chef del ristorante LUME di Milano.

Un pezzo di Caraibi al Porto Antico

Messico, Colombia, Barbados, Honduras, Costa Rica. La delegazione internazionale più ampia di Slow Fish 2017 è caraibica e rappresenta un progetto recentemente avviato da Slow Food e finanziato dall’Unione europea.

Gusti locali, mercati globali – Presentato a Slow Fish il nuovo report di Wwf

Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce all’anno (33,4 chili pro capite contro i 19,2 chili consumati in media a livello globale). Di questi, 2,75 milioni di tonnellate sono pescati localmente, i restanti 5 milioni sono prodotti di importazione.

Carpa diem

La scommessa – vinta – di portare in tavola piatti a base di pesce d’acqua dolce preparati con prodotti locali e sapori raccolti a pochi metri dal locale, lungo le rive dei corsi d’acqua.

In alto i calici, ecco a voi menù degli Appuntamenti a Tavola

Ci siamo. Abbiamo gli chef, abbiamo le materie prime, e abbiamo anche i menù. Tutto è pronto, o quasi, per gli Appuntamenti a Tavola di Slow Fish. Dal mercoledì al venerdì, vi presentiamo i primi quattro. Cosa aspettate a unirvi a noi?

Louisiana e Vietnam: fiumi che scompaiono

La Louisiana e il Vietnam sono ai lati opposti del mondo, eppure hanno molto in comune. Sia la costa della Louisiana sia la regione del delta in Vietnam, infatti, si sono formati negli ultimi 6000 anni, grazie all’azione di due grandi fiumi: il Mississippi e il Mekong.

Slow Fever: bere esplorando il mondo

Slow Fever è l’area mixology di Slow Fish. Curata da Velier, propone cocktail i cui protagonisti sono prodotti moonshine distillati in piccole quantità, in alambicchi discontinui, partendo da materie prime coltivate localmente.