21 maggio

Un mare di culture

Porto Antico-Casa Slow Food

In questi anni abbiamo potuto toccare con mano le storie di persone che hanno lasciato la propria terra natia per emigrare alla ricerca di un nuovo futuro. Diverse le motivazioni che hanno spinto donne, uomini e intere famiglie a lasciare la propria casa, ad attraversare il mare, e a trovare un altro approdo: la guerra, il cambiamento climatico, la negazione dei diritti, l’anelito alla libertà e al miglioramento delle proprie condizioni economiche e di vita. Sempre di più, l’immigrazione ci pone di fronte a sfide e domande culturali, politiche, sociali, economiche, e infine anche gastronomiche… E con gli anni i migranti hanno saputo modificare il proprio ruolo nel paese di arrivo, ideando progetti duraturi e creando nuove imprese. Un incontro per conoscere le loro esperienze e interrogarci sulla possibilità di un’accoglienza diversa.

Intervengono:
Cheikh Guisse, associazione senegalese di Genova
Andrea Pescino, associazione Orto Collettivo
Stefano Liberti, scrittore

Modera: Eva Kallinger, corrispondente del settimanale tedesco Focus per Italia e Vaticano

Ingresso libero fino a esaurimento posti.

 

21 maggio

16:00 - 17:30

Stand:
Palco
Posti totali:
50
Posti disponibili:
50