Il mosciolo selvatico di Portonovo

Trasmesso da

Genova, Italy

Ora locale

15:00

1 Luglio ore 15:00 nel tuo fuso orario

Gratuito

Ad Ancona, il mosciolo (Presidio Slow Food) è la cozza selvaggia (Mytilus galloprovincialis); quella cioè che si riproduce naturalmente e vive attaccata agli scogli sommersi della costa del Conero.

La presenza del mosciolo in questi mari è testimoniata in maniera precisa già dall’inizio del Novecento; la pesca, però, era molto limitata e le colonie di molluschi erano concentrate sullo scoglio del Trave e su pochi altri scogli e secche tra Pietralacroce e Sirolo. Fino al secondo dopoguerra la pesca era effettuata con barche a remi, le batane, e rappresentava un’integrazione al reddito per i contadini delle frazioni di Poggio, Varano, Massignano e Pietralacroce e del Comune di Sirolo, nonché per le maestranze del porto di Ancona.

L’attrezzo che serviva per strappare i moscioli dagli scogli, simile a un forcone, non era particolarmente dannoso: più dannosa fu, col passare del tempo, l’adozione della “moscioliniera”, una lunga pertica con in fondo dei denti di ferro ricurvi con la quale si raschiano gli scogli dalla barca.

I pescatori amano mangiare il mosciolo appena pescato, fragrante per il profumo delle alghe e del mare, aperti su una lastra posata sul fuoco, senza alcun condimento, oppure alla marinara: aperto in pentola con aglio, prezzemolo, olio e pepe.

I Come si fa? sono un format di Slow Fish. Sono accessibili gratuitamente su questo sito e sul nostro profilo YouTube e sui nostri social.

Altre informazioni

Lingue dell'evento: IT, EN

Evento online

Tag in questo evento

Altri eventi in questo format

Scopri altri eventi simili