Un posto d’onore è riservato nella narrazione di Slow Fish Presìdi Slow Food. In Italia, sono 18 i Presìdi che tutelano tecniche di pesca, la biodiversità ittica e tecniche di lavorazione. In tutto il mondo ve ne sono altri 13. 

Trentuno Presìdi Slow Food, 31 esempi diffusi dai mari caraibici alle coste bretoni, danesi o olandesi, fino ai mari dell’estremo nord. Tra di loro, non mancano le eccellenze italiane e liguri, come la tonnarella di Camogli e la pesca artigianale del golfo di Noli.  

A Slow Fish i Presìdi Slow Food sono gli attori di numerosi appuntamenti – dai Laboratori del Gusto agli eventi diffusi su tutto il territorio ligure, e parte di quello piemontese. E diventano protagonisti assoluti nel weekend di sabato 26 e domenica 27 giugno grazie al weekend dei Presìdi aperti, che punta i riflettori sui produttori liguri, pescatori e non solo.

 

Presìdi Slow Food Noli
La pesca artigianale del Golfo di Noli, Presidio Slow Food. Ph. Paolo Andrea Montanaro.

Presìdi aperti

Presìdi aperti: sabato 26 e domenica 27 giugno visita le aziende dei Presìdi Slow Food. Scopri i produttori che ti aspettano! In questo weekend ti aprono aprono le porte delle aziende agricole e dei laboratori di trasformazione, e condividono con te una parte della loro quotidianità e permettendoti di ascoltare i loro racconti, assaggiare i loro prodotti, conoscere da vicino le storie dei custodi della biodiversità.

Sono passati oltre 20 anni da quando Slow Food ha lanciato il progetto dei Presìdi, richiamando l’attenzione di tutti sui primi 100 prodotti da salvare. A fine giugno tanti produttori in Liguria apriranno le porte per fare conoscere i Presìdi del territorio grazie a questa iniziativa che permette di scoprire le aziende attraverso numerose attività.  I Presìdi liguri sono 17.