Venerdì 2 giugno – Il meglio di Slow Fish

02 Giugno 2023

Venerdì 2 giugno a Slow Fish si respira la brezza mediterranea proveniente dalle coste della nostra Penisola. Quale migliore giornata per celebrare i prodotti plasmati dal mare e dall’agricoltura dell’entroterra italiano? Ecco i nostri highlights che vi guidano tra gli appuntamenti del secondo giorno di Slow Fish.

L’esperienza di mare italiana ha tanto da raccontare e tramandare. Oggi assaporiamo le agricolture eroiche del Carso, ascoltiamo la storia dei tonnarotti di Moglio, impariamo come si applica l’antica arte della salatura delle acciughe, degustiamo ricette nipponiche e scopriamo la Costa dei Trabocchi, tra vini e oli della tradizione abruzzese e toscana. Insomma, una giornata ricca e celebrativa! Qui abbiamo selezionato alcuni appuntamenti da non perdere assolutamente: dai un’occhiata!

Iniziamo la giornata col piede giusto

Prodotti, ricette e progetti dalla Liguria… Stand Slow Food Liguria, Area Mandraccio, dalle 10:00 alle 19:00

Durante tutti i quattro giorni di Slow Fish i Prodotti, ricette e progetti dalla Liguria sono i protagonisti di questo stand che vi accoglie per tutta la giornata. Venerdì 2 si presentano i croxetti di Varese Ligure (Presìdio Slow Food). Si tratta di una tipologia di pasta il cui nome e usanza sono legati agli stampi delle monete, coniate proprio dalla Repubblica Marinara di Genova tra il 200 e l’800. In seguito, la storia genovese lascia spazio ai più piccoli con attività dedicate alla scoperta del mondo delle api e alla preparazione del pane a forma di pesciolini. Agli adulti, invece, lasciamo i sapori forti della ventre di tonno, una tradizione culinaria tramandata dai “tonnarotti”, i veri maestri quando si parla di lavorazione del tonno. Dalla colazione all’aperitivo lo Stand di Slow Food Liguria propone attività uniche, scopri il programma completo e organizza la tua giornata!

Coast to Coast… Sala Reale Mutua, Piazza Falcone e Borsellino, ore 11:00

La mattina continua con la scoperta di un’agricoltura eroica. Lo storico altopiano roccioso del Carso ospita un ricchissismo habitat dove le comunità della pesca artigianale si tramandano conoscenze relative alla cattura e all’allevamento di molluschi, crostacei e pesci tipici. Al Laboratorio del Gusto Coast to Coast: il Carso, sapori di roccia, di mare e di vento, con il supporto del Gruppo di Azione Costiera del Friuli Venezia Giulia, offriamo una panoramica a 360° di questa regione. Abbiniamo la conoscenza dei prodotti del Golfo di Trieste e della laguna costiera, all’olio extravergine di bianchera (Presidio Slow Food) e i vini di pietra Malvasia e Vitovska.

A scuola di acciughe… Area Show Cooking, Piazza Falcone e Borsellino, ore 12:00

È arrivato il momento di ritrovarsi seduti fra i banchi di scuola per imparare l’antica arte della salatura delle acciughe dal maestro acciugaio Michelle Senno, titolare di L’Anciuia. Il suo è un lavoro, una passione, un ricordo d’infanzia. Tutte le sue preparazioni sono artigianali, composte con acciughe provenienti dal Mar Ligure, lavorate a mano, senza l’ombra di conservanti. La degustazione A scuola di acciughe propone un assaggio intenso e consapevole dei suoi prodotti accompagnati da olio extravergine d’oliva e sale marino. L’intreccio tra l’argento del mare e l’oro delle colline dell’entroterra si fondono in sapori e gusti da conoscere e portarsi dentro.

Tutti a tavola!

L’Umami sotto il mare… Area Show Cooking, Piazza Falcone e Borsellino, ore 13:30

Le 13:30 sull’orologio ci dicono che è ora di insaporire il piatto di Slow Fish con un po’ di sapori orientali. Forse ancora non lo conoscete – o forse si – ma tra i caruggi genovesi si cela un pub trattoria nipponica. Al suo interno, tra fornelli, dashi e umami troviamo Aiko Kanaya, cuoca del ristorante. Alla degustazione L’Umami sotto il mare, le variazioni del brodo dashi ci catapultano fuori dalle coste italiane per addentrarci tra le ricette nipponiche più amate, come la zuppa di miso, il ramen e lo shabu shabu. Questi sapori vi rapiranno le papille gustative, ma non preoccupatevi, la preparazione è così semplice che potete replicarla anche a casa vostra!

La Campania a Slow Fish… Piazza Caricamento, Stand Regione Campania, dalle 11:00 alle 19:30

Dal primo al quattro giugno, la Campania approda a Slow Fish con tante iniziative a cui prendono parte i protagonisti del mare e delle terre di Campania. Le attività si articolano in seminari e degustazioni con i cuochi dell’Alleanza Slow Food della regione e laboratori delle terre marine in collaborazione con le condotte dei territori costieri. La Campania a Slow Fish #2 affronta le tematiche di quest’edizione con la presenza di FLAG Approdo di Ulisse, gruppo d’azione locale nel settore pesca che opera nei comuni costieri del territorio. Quest’organizzazione sostiene la piccola pesca costiera artigianale attraverso pratiche di sviluppo locale focalizzate sui principi della Blue Economy e della pesca sostenibile. Li trovate allo stand alle 11:00 e alle 19:30: ascoltarli è imprescindibile.

In attesa della golden hour

Toscano, gin tonic e baci di dama.. Stand Sigaro Toscano, Area Mandraccio, ore 17:00

L’ora dell’aperitivo si sta avvicinando. Se volete lasciarvi trasportare da un’atmosfera di relax e spensieratezza vi congliamo di passare allo Stand Sigaro Toscano. Toscano, gin tonic e baci di dama è una degustazione diversa dal solito: un’esperienza da fare con sigaro alla mano. In particolare, in questo appuntamento teniamo tra le labbra il Toscanello Castano Raffinato, un sigaro caldo e avvolgente. La sua miscela regala una fumata morbida e intensa al tempo stesso. Nel suo aroma distinguiamo note di nocciole tostate, sentori di amaretto e di cacao, in grado di riportare alla mente gli odori di dolci antichi.

Abruzzo e Toscana… Slow Fish Arena, Piazza Falcone e Borsellino, ore 19:00

L’intreccio tra acqua e terra è sostenuto da palafitte senza tempo, testimoni di un’antica civiltà legata al mare. Essi protendono verso l’orizzone, lo sorvegliano, come guardiani silenziosi della costa abruzzese. I trabocchi conservano le storie delle famiglie dei pescatori più poveri della zona. Non sono solo piattaforme utilizzate per la pesca, ma vere e proprie case. Un aperitivo autentico a cui prendere parte, quello di Abruzzo e Toscana: vini della Costa dei Trabocchi e oli della Versilia, che ha per protagonisti i vini di Cantina Frentana e Fonteficoe e l’olio toscano ricavato dall’olivo quercetano (Presidio Slow Food) delle coste della Versilia.

Questa è la nostra Festa della Repubblica, una celebrazione della tradizione marittima italiana, delle sue criticità – speranzosamente – reversibili e le preziose risorse che resistono nel canto della tradizioni costiere. Ma soprattutto, Slow Fish vuole dare voce a tutti i pescatori, agricoltori, cuochi, artigiani e produttori che vivono il mare, lo interpretano e lo conoscono in profondità. Domani ci siamo tutti, ti aspettiamo per festeggiare insieme!

Skip to content