Slow Fish 2023 è Coast to Coast

30 Marzo 2023

Al Porto Antico di Genova dall’1 al 4 giugno

Scopri qui le grafiche e le foto

Giunta all’undicesima edizione, Slow Fish approda al Porto Antico di Genova dall’1 al 4 giugno. Organizzata da Slow Food e Regione Liguria, in collaborazione con il Comune di Genova, la manifestazione biennale dedicata agli ecosistemi acquatici torna nei due luoghi simbolo della cultura marinara della città: il Porto Antico, l’anima del centro storico e la più grande piazza sul Mediterraneo, e Piazza Caricamento, storico spazio di manovra delle merci marittime in terraferma.

 

Scopri tutte le novità sul sito slowfish.slowfood.it.

Il programma sarà online dal 19 aprile!

 

Coast to Coast è il tema dell’edizione 2023, un modo per sottolineare che mari, oceani e acque interne non sono ecosistemi a sé stanti rispetto a quelli dove si svolge la vita umana: gli ambienti acquatici e la terraferma sono strettamente interconnessi. Basti pensare all’influsso che mari e oceani esercitano sul clima, o al fatto che ogni nostro comportamento sulla terraferma ha ricadute profonde sulla salubrità delle acque. Parlare di coast to coast significa ragionare su buone pratiche che riguardano la pesca sostenibile ma anche tutta una serie di attività costiere, a partire dal ruolo di primo piano che svolgono le città, in quanto luoghi di scambio per eccellenza fra popolazioni, culture, merci. Senza dimenticare le azioni che ogni singolo abitante della terra può svolgere per fare del bene ai sistemi acquatici: dall’uso corretto dell’acqua all’agricoltura senza pesticidi, passando per l’eliminazione della plastica monouso.

Il programma

Imparare e approfondire

Organizzate da Slow Food e Acquario di Genova con il supporto di UniCredit, le attività di educazione di Slow Fish 2023 si sviluppano nel contesto della Città dei bambini e dei ragazzi, e coinvolgono non solo scuole e famiglie, ma tutti i visitatori che desiderano imparare divertendosi, esplorando il misterioso mondo delle specie aliene e la complessa relazione che lega il mare e i suoi abitanti agli effetti del cambiamento climatico. Le occasioni per approfondire continuano poi nella Slow Fish Arena, dove i momenti di riflessione sono affidati tanto alle parole di esperti, biologi marini, studiosi, scrittori, climatologi e rappresentanti delle istituzioni quanto alle comunità dei pescatori, la cui sopravvivenza economica è spesso minacciata. Le quattro grandi conferenze dell’Arena affrontano le tematiche al centro dell’evento: le connessioni tra ecosistemi marini e terrestri, la crisi climatica e la siccità, il problema dei rifiuti, in particolare della plastica, e l’inquinamento delle acqua marine e interne, e infine il ruolo centrale svolto dalle città costiere.

Assaggiare e scoprire

Non solo dibattiti e incontri! La Slow Fish Arena è anche il ritrovo per l’aperitivo, occasione perfetta per ascoltare le testimonianze dei produttori di vino e di olio extravergine di oliva delle aree costiere. E, ovviamente, per assaggiarne i prodotti.
A Slow Fish il piacere legato al gusto viene affrontato in maniera consapevole, ricordando che dalle nostre scelte dipendono sia la qualità della nostra vita sia la salute del pianeta. Non mancano quindi i Laboratori del Gusto e gli Appuntamenti a Tavola, occasioni speciali in cui approfondire il concetto di ecosistemi costieri e la conoscenza di interi territori in molteplici preparazioni e abbinamenti. Novità del 2023 sono gli appuntamenti In cucina con Slow Food, progetto che esalta l’esperienza, i valori e la conoscenza dei cuochi dell’Alleanza Slow Food. Torna l’area dedicata a Food Truck, Cucine di Strada e Birre Artigianali, per assaggiare le tante proposte dello street food all’italiana accompagnati da una buona birra. In questa edizione l’Enoteca torna ad affacciarsi sul mare del Porto Antico, in Piazza delle Feste, dove i visitatori potranno degustare oltre 300 etichette selezionate dal team della Banca del Vino e della redazione della guida Slow Wine.

Degustare e acquistare

Pesci, conserve, sali, spezie e oli extravergini e poi ancora erbe officinali e aromatiche, riso,  frutta e ortaggi: il Mercato di Slow Fish 2023, con le sue bancarelle e le collettive regionali, espone il meglio dei prodotti della pesca e dell’agricoltura costiera, o nel caso del riso, di un’agricoltura che rappresenta un vero e proprio ecosistema acquatico. Da sempre infatti gli eventi di Slow Food sono anche un’occasione per fare la spesa e conoscere produttori straordinari provenienti dall’Italia e dal mondo, assaggiare e acquistare i loro prodotti e imparare a conoscerne le caratteristiche e la storia. Protagonisti i Presìdi Slow Food che tutelano la ricchezza di biodiversità dell’ecosistema costiero, dai prodotti ittici e le tecniche di pesca al patrimonio viticolo e olivicolo. Trenta esempi dai mari caraibici alle coste bretoni, danesi o olandesi, fino ai mari dell’estremo nord e al Golfo di Taranto, dove è stato inaugurato il Presidio ittico più recente, la cozza nera di Taranto. E per chi vuole saperne di più sulle attività dell’associazione, la Casa Slow Food: per diventare soci – o per continuare a esserlo –, per acquistare i libri di Slow Food Editore e scoprire le attività di Slow Food in Liguria, in Italia e nel mondo.

Slow Fish è realizzato grazie al sostegno della Camera di Commercio di Genova.

Ufficio Stampa Slow Food
Elisa Virgillito, 345 2598615 e.virgillito@slowfood.it
Valter Musso, 335 7422962 v.musso@slowfood.it
Elena Coccia, 348 0120860 e.coccia@slowfood.it

Ufficio Stampa Regione Liguria
Federica Costella, 328 3217212 federica.costella@regione.liguria.it

Skip to content